Arco di Malborghetto

Poco oltre il XIII miglio della Flaminia antica si trova il Casale di Malborghetto. L’edificio ha inglobato un Arco quadrifronte del IV secolo d.C. posto a segnacolo deII’incrocio tra la via Flaminia e la strada di collegamento tra Veio e la Tiberina. Il tetrapylon, a pianta rettangolare, su quattro pilastri in laterizio, era coronato da un attico a copertura piana. La presenza di un arco onorario sulla via Flaminia, databile al IV sec. d.C., è stato messo in relazione alla discesa delle truppe di Costantino da settentrione proprio Iungo questa strada per opporsi a quelle deII’imperatore Massenzio. La tradizione cristiana vuole che Costantino, accampatosi in questo luogo, abbia visto al tramonto nel cielo il segno della croce e che “durante il sonno viene avvertito di far segnare sugli scudi il celeste segno di Dio e di dar battaglia”. Il giorno dopo, il 28 ottobre del 312, Costantino sbaragliava ai Saxa Rubra l’esercito del rivale e Io stesso Massenzio periva nelle acque del Tevere. A seguito di questa vittoria, nel 315, il Senato Romano fece erigere neII’Urbe l’arco bifronte presso il Colosseo e forse nel Suburbium quello di Malborghetto.

costruzione in epoca tardo repubblicana o inizio imperiale (I secolo a.C- I secolo d.C.). La capienza doveva aggirarsi su circa settemila spettatori suddivisi tra imamedia e summa cavea.

Altri Siti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.